Il Decreto Rilancio è Legge: via libera dal Senato

Il Decreto Rilancio è Legge: via libera dal Senato

Il Decreto Rilancio è legge, nessuna modifica al Superbonus.

Riportiamo di seguito alcuni estratti dell’articolo appena pubblicato dall’Importante rivista di Settore Solare B2B.

Il testo è stato approvato dal Senato in data odierna, con 159 voti a favore e 121 contrari. Il documento prevede 55 miliardi di euro a supporto dell’economia nazionale.

Tra le misure, ricordiamo il Superbonus al 110% per interventi di efficienza energetica tra cui l’installazione di impianti fotovoltaici, sistemi di accumulo e colonnine di ricarica. Non ci sono modifiche o novità rispetto al testo approvato dalla Camera dei Deputati lo scorso 9 luglio.

Per quanto riguarda il fotovoltaico, il Decreto Rilancio conferma i i tetti di spesa previsti nel primo testo. Per l’installazione di impianti fotovoltaici la detrazione spetta, per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, nella misura del 110%, fino ad un ammontare complessivo delle stesse spese non superiore a 48.000 euro e comunque nel limite di spesa di euro 2.400 per ogni kW di potenza nominale dell’impianto solare fotovoltaico, da ripartire tra gli aventi diritto in cinque quote annuali di pari importo.

Il documento specifica che per godere di questa agevolazione, l’installazione deve essere eseguita congiuntamente a uno degli interventi dei commi 1 o 4. Si tratta degli interventi trainanti, e quindi quelli che il decreto ha individuato in “isolamento termico”, “sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale” e “messa in sicurezza sismica dell’edificio”. In questo caso, gli interventi devono inoltre garantire il miglioramento di almeno due classi energetiche dell’edificio.

Nel caso in cui l’impianto fotovoltaico non si agganci a uno di questi lavori trainanti ma rientri in un intervento di ristrutturazione edilizia o nuova costruzione, il tetto di spesa viene ridotto a 1.600 euro per ogni kW di potenza nominale. Per questi interventi, come per altre detrazioni in materia edilizia specificamente individuate, in luogo della detrazione il contribuente potrà optare per un contributo sotto forma di sconto in fattura da parte del fornitore, che potrà recuperarlo sotto forma di credito di imposta cedibile ad altri soggetti, comprese banche e intermediari finanziari, ovvero per la trasformazione in un credito di imposta.

APPROFONDIREMO IL TEMA Mercoledi’ 29 Luglio ore 17:00

Iscriviti al Webinar gratuito:

“Decreto Rilancio: Analisi del testo definitivo e strategie di vendita”

______________________________________________________________________________

Inoltre, il Superbonus, inizialmente previsto per le prime case e per le seconde case purché si trattasse di condomini, è confermato anche alle seconde case di tipo villetta di una o due unità immobiliari dello stesso proprietario, con esclusione solo degli edifici di lusso.

Ok anche ai nuovi tetti di spesa per isolamento termico e per la sostituzione degli impianti di climatizzazione. La detrazione per opere di isolamento termico è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 50.000 euro per gli edifici unifamiliari o per le unità immobiliari situate all’interno di edifici plurifamiliari che siano funzionalmente indipendenti e dispongano di uno o più accessi autonomi dall’esterno; a 40.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per le strutture da due a otto unità immobiliari; a 30.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio per le strutture composte da più di otto unità immobiliari.

Per gli interventi relativi alla sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti centralizzati per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria, la detrazione è calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore a 20.000 euro moltiplicati per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio (per edifici che hanno fino a otto unità). Il valore scende a 15.000 euro per unità immobiliare negli edifici di maggiori dimensioni, e 30.000 euro per le abitazioni singole.

Per quanto riguarda i nuovi lavori incentivati, oltre agli interventi di isolamento termico degli involucri e agli impianti di climatizzazione e riscaldamento a condensazione, pompe di calore, ibridi e geotermici, vengono inseriti i collettori solari (abbinati a un impianto ibrido o geotermico) e l’allaccio a sistemi di teleriscaldamento efficiente esclusivamente nei comuni montani.

 

Approfondiremo il Decreto durante il nostro Webinar

Mercoledi’ 29 Luglio, ore 17:00

“Decreto Rilancio è legge: Analisi del testo definitivo e strategie di vendita”

ISCRIVITI SUBITO!

 

_____________________________________________________

Richiedi maggiori informazioni

Hidden
Name(Obbligatorio)
Dichiaro di aver letto e accetto la normativa sulla PRIVACY(Obbligatorio)
Acconsento al trattamento dei miei dati al fine di ricevere newsletter.
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.