DECRETO AREE IDONEE: Entrato in vigore il 03 Luglio 2024

3 Luglio 2024

DECRETO AREE IDONEE: Entrato in vigore il 03 Luglio 2024

ASCOLTA L’ARTICOLO!!!
(Abbiamo da pochissimo introdotto una nuova modalità per restare informato, ora oltre a leggere puoi ascoltare comodamente l’articolo!)

E’ entrato in vigore il 3 luglio l’atteso decreto del Ministero dell’Ambiente e della sicurezza energetica (Mase) che ripartisce fra Regioni e Province autonome l’obiettivo nazionale al 2030 di potenza aggiuntiva, pari a 80 GW da fonti rinnovabili, e stabilisce principi e criteri per consentire alle Regioni l’individuazione di aree idonee e non idonee alle Fer.
Le Regioni, entro il 30 dicembre 2024, 180 giorni dalla data della pubblicazione, sono tenute ad individuare le aree idonee per la realizzazione di impianti, ovvero in cui sono ammessi gli impianti rinnovabili (con procedura autorizzatoria accelerata), oltre alle aree in cui si applicano i regimi autorizzatori ordinari e quelle in cui è vietata l’installazione degli impianti fotovoltaici con moduli collocati a terra.

Se entro il termine previsto le Regioni non individueranno con legge le aree idonee alle fonti rinnovabili, il Mase interverrà in via sostitutiva proponendo al Consiglio dei Ministri schemi di atti normativi, tenendo conto degli obiettivi regionali individuati nella tabella di cui all’articolo 2 del Dm.

Il Decreto evidenzia la necessità di massimizzare le aree da ritenere idonee, tenendo sempre conto dell’esigenza di tutelare il paesaggio, le risorse agricole e l’ambiente.

Alcune aree sono state identificate come AREE DA PRIVILEGIARE: Capannoni e parcheggi, aree a destinazione industriale, artigianale, per servizi e logistica e zone non riutilizzabili per altri scopi, come le superfici agricole incolte.
Per un’analisi completa scarica il Decreto pubblicato in Gazzetta:

Compila il form qui di seguito e scarica il DECRETO AREE IDONEE

Hidden
Nome e cognome(Obbligatorio)
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.