Come tutelarsi dai controlli del GSE

7 Marzo 2017

Come tutelarsi dai controlli del GSE

Il Conto Energia è giunto al termine, di conseguenza, il GSE sta intensificando i controlli e le verifiche sulla regolarità degli incentivi erogati.

Per far fronte ai controlli del GSE occorre muoversi in anticipo e condurre un’attenta analisi proattiva del proprio impianto, evidenziandone irregolarità e situazioni a rischio.

Controlli GSE

L’emanazione del Decreto Controlli nel 2014, ha comportato un aumento delle attività di verifica da parte del GSE di tutti gli impianti fotovoltaici, di qualsiasi potenza e tipologia che abbiano ricevuto incentivi da parte del GSE.

A partire dal 2012 il GSE ha iniziato l’attività di verifica degli incentivi erogati sul suolo nazionale. Il 31 Gennaio 2014 è stato emanato il Decreto Controlli che individua le modalità organizzative e operative dei controlli, le attività in carico ai vari soggetti coinvolti, gli aspetti degli impianti oggetto di controllo e la lista delle violazioni rilevanti in conseguenza delle quali il GSE può disporre la sospensione o la decadenza degli incentivi, con l’integrale recupero delle somme già erogate.
Tra il 2013 e il 2014 si è registrato un aumento dell’attività di controllo sugli impianti pari al 27%

.

Abbiamo già approfondito le modalità con cui il GSE effettua i controlli nell’articolo dedicato Come avviene un controllo del GSE

Il GSE effettua controlli sugli impianti fotovoltaici secondo due modalità:

  • Il sopralluogo;
  • La verifica documentale.

L’aumento delle verifiche documentali degli impianti è aumentato esponenzialmente, +114% nel 2015 rispetto al 2014.

Il non essere a norma per tali impianti ha significato la perdita parziale o totale dell’incentivo, con un recupero da parte del GSE di 197 milioni di euro di incentivi.

 

Le conseguenze economiche per l’utente

Le conseguenze spesso drammatiche per i produttori di energia sono riconducibili principalmente alla documentazione. Questa infatti può non essere stata depositata agli enti entro le corrette tempistiche o non essere stata depositata affatto; può essere incompleta, falsata, mancante o incongruente. A seconda della tipologia di inadempienza, il GSE può disporre le seguenti modalità di recupero delle somme già erogate o da erogare:

  • Decadenza della tariffa incentivante con recupero integrale delle somme già erogate;
  • Rideterminazione dell’incentivo con recupero delle somme indebitamente percepite;
  • Ridefinizione della potenza incentivata;
  • Rigetto della richiesta di incentivo.

Calcola ora le conseguenze ECONOMICHE del controllo GSE sul tuo Impianto

Richiedi maggiori informazioni

Hidden
Name(Obbligatorio)
Dichiaro di aver letto e accetto la normativa sulla PRIVACY(Obbligatorio)
Acconsento al trattamento dei miei dati al fine di ricevere newsletter.
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.