Riduzione delle SANZIONI GSE: grande opportunità!

FotovoltaicoRiduzione delle SANZIONI GSE: grande opportunità!

Riduzione delle SANZIONI GSE: grande opportunità!

La conversione e pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DL Crisi (Legge del 2 Novembre 2019 n.128), porta con sé una grande opportunità, sia per i proprietari di impianti FV incentivati che per lo Stato. Nel nostro caso specifico facciamo riferimento all’art. 13-bis, ovvero quello dedicato alla riduzione delle SANZIONI GSE da incentivazione FER.

In cosa consiste la norma?

La Norma prevede una riduzione percentuale delle sanzioni applicate dal GSE a seguito dei suoi controlli, nel caso venissero riscontrate anomalie negli impianti FV incentivati. E’ una norma modificata al ribasso, con effetti anche retroattivi.

I tagli degli incentivi sono passati al 10% e 50% e non solo, tale taglio potrebbe scendere ulteriormente al 5% e 25%..se solo si fosse consapevoli e si autodenunciasse prima un irregolarità del proprio impianto.

Secondo un dossier del servizio parlamentare di Bilancio, tale riduzione sanzionatoria ha effetti positivi sul bilancio dello Stato “poiché il sistema degli incentivi comporta introiti pubblici sia in termini di accise che in termini di tassazione sul reddito delle imprese, generato dall’erogazione degli incentivi stessi”.

Al contrario, se non si fosse messo in pratica questo cambiamento i rischi corsi sarebbero stati più alti per le tasche dello Stato. Infatti, “la perdita di possibili iniziative per fallimento”, causata dalle sanzioni notevolmente più alte, “oltre a generare una riduzione della produzione da rinnovabili necessaria per il raggiungimento degli obiettivi europei, avrebbe l’effetto di ridurre la contribuzione fiscale di tali iniziative”.

Proprio per queste ragioni è sia un’opportunità per lo Stato, che così ha comunque le sue preziose entrate, che per i proprietari, i quali potrebbero beneficiare di una sanzione molto più bassa avendo così la possibilità di tutelare al massimo l’incentivo.

Occorre però tenere a mente che la riduzione al 5% e 25%  non è automatica e bisogna essere consapevoli della propria situazione per poter ottenere questo importante vantaggio a livello economico anzi che la revoca totale dell’incentivo.

Come fare per ridurre questo taglio?

Come dicevamo, è indispensabile conoscere la propria situazione, e come si può conoscere la propria situazione?

Semplice, verificando il proprio impianto!!

Ovviamente una volta saputo in che condizioni è l’impianto , qualora emergessero irregolarità, discordanze etc..sarebbe l’ideale autodenunciarsi per usufruire dell’ulteriore “sconto di pena”. Diventa così indispensabile eseguire un’analisi preventiva della Documentazione dell’impianto.

Investire in un’analisi preventiva della Documentazione, quindi rappresenta la possibilità o di confermare che si possiede il pieno diritto a percepire quell’incentivo oppure l’opportunità di avviare azioni correttive a tutela dell’investimento fatto e dell’incentivo stesso.

 

RICHIEDI SUBITO INFORMAZIONI SULLA VERIFICA PREVENTIVA O SUL DECRETO: